Referenti
filippo_raciti2.jpg
Accesso
Ricerca in Sovritalia
Forum Sovritalia
mic
LMTL? Li mo lor? O cosa?
Venerdì 05 Febbraio 2016 21:12
rey
si i trasferimenti di LMTL
Giovedì 04 Febbraio 2016 20:46
Concorsi in atto
mauriziojb
Condivido la tua chiave di lettura,le votazioni seguite alla correzzione degli elaborati p...
Domenica 31 Gennaio 2016 12:07
Sileno
Io avrei una differente opinione, cioè che non vi è stato uno spostamento dei voti in avan...
Sabato 30 Gennaio 2016 10:36
Chi è online
 57 visitatori e 2 utenti online
Find us on Facebook

mancato rientro in sede XXV


                                                                                     

       Al Signor Segretario Generale       SIULP

 

  Al Signor Segretario Generale       SAP

 

   Al Signor Segretario Generale       SIAP

 

                          Al Signor Segretario Generale       SILP Per la CGIL

 

                                 Al Signor Segretario Generale       UGL Polizia di Stato

 

       Al Signor Segretario Generale       COISP

 

                Al Signor Segretario Generale       UIL Polizia

  

                 Al Signor Segretario Generale       CONSAP      

 

Oggetto: Ruolo sovrintendenti della Polizia di Stato. XXV Corso problematica

                 relativa al mancato rientro in sede.

 

    Si porta all’attenzione delle SS.LL. la perdurante problematica che affligge i Sovrintendenti del XXV Corso i quali, a tutt’oggi, attendono di poter rientrare in sede.

 

    Come è noto, grazie all’impegno di molte OO.SS. e dell’Amministrazione, i colleghi vincitori dell’ultimo concorso per 7.597 posti da Vice Sovrintendente (XXVI corso), non perderanno la sede di appartenenza e pertanto si vedranno garantita la sede e presumibilmente anche l’Ufficio d’appartenenza.

 

     E’ condivisibile la scelta e la necessità di evitare di “sbattere” lontano da casa colleghi con famiglia e molti anni di servizio alle spalle, evitando nel contempo di aggravare l’Amministrazione di inutili spese.

 

     Ma rimane certamente deprecabile l’aver trascurato e lasciato lontano da casa i colleghi del XXV corso, i quali aspettano, ormai da lungo tempo l’agognato e sperato rientro in sede.

 

     Va da sé che questa situazione palesa un evidente disparità di trattamento nei criteri di assegnazione alle varie sedi tra il personale appartenente al medesimo ruolo.

     Non si può garantire al XXVI corso ciò che invece si sta negando al XXV corso.

     Per quanto sopra evidenziato, l’Associazione Sovritalia chiede l’intervento di codeste OO.SS. affinché l’Amministrazione della P.S. si attivi per garantire un immediato rientro in sede dei Sovrintendenti del XXV ° Corso e dei Corsi precedenti laddove ancora in attesa di fare rientro in sede, riconoscendo loro una pari dignità professionale, rispetto ai “più giovani colleghi” dello stesso ruolo.

 

                                                                                                                      IL PRESIDENTE ED IL DIRETTIVO DI SOVRITALIA

 

Riordino Carriere

AC 3098 - Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.

Emendamento 7.1007 All’articolo 7, comma 1, lettera a), sostituire la parola: “attribuite” con le seguenti: “da attribuire, assicurando la necessaria corrispondenza tra le funzioni trasferite e il transito del relativo personale; conseguenti modificazioni agli ordinamenti del personale delle forze di polizia di cui all’articolo 16 della legge 1 aprile 1981, n. 121, in aderenza al nuovo assetto funzionale e organizzativo, anche attraverso: 1. la revisione della disciplina in materia di reclutamento, di stato giuridico e di progressione in carriera, tenendo conto del merito e delle professionalità, nell’ottica della semplificazione delle relative procedure, prevedendo l’eventuale unificazione, soppressione ovvero istituzione di ruoli, gradi e qualifiche e la rideterminazione delle relative dotazioni organiche, comprese quelle complessive di ciascuna forza di polizia, in ragione delle esigenze di funzionalità e della consistenza effettiva alla data di entrata in vigore della presente legge, ferme restando le facoltà assunzionali previste alla medesima data, nonché assicurando il mantenimento della sostanziale equiordinazione del personale delle forze di polizia e dei connessi trattamenti economici, anche in relazione alle occorrenti disposizioni transitorie, fermi restando le peculiarità ordinamentali e funzionali del personale di ciascuna forza di polizia, nonché i contenuti e i principi di cui all’articolo 19 della legge 4 novembre 2010, n. 183, e tenuto conto dei criteri di delega della presente legge, in quanto compatibili; 2. in caso di assorbimento del Corpo forestale dello Stato, anche in un’ottica di razionalizzazione dei costi, il transito del personale nella relativa forza di polizia, nonché la facoltà di transito, in un contingente limitato, previa determinazione delle relative modalità, nelle altre forze di polizia, in conseguente corrispondenza delle funzioni alle stesse attribuite e già svolte dal medesimo personale, con l’assunzione della relativa condizione, ovvero in altre amministrazioni pubbliche, di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nell’ambito delle relative dotazioni organiche, con trasferimento delle corrispondenti risorse finanziarie. Resta ferma la corresponsione, sotto forma di assegno ad personam riassorbibile con i successivi miglioramenti economici, della differenza fra il trattamento economico percepito e quello corrisposto in relazione alla posizione giuridica ed economica di assegnazione; 3. l’utilizzo, previa verifica da parte del Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, di una quota parte dei risparmi di spesa di natura permanente, non superiore al cinquanta per cento, derivanti alle forze di polizia dall’attuazione della presente lettera, fermo restando quanto previsto dall’articolo 18, della presente legge, tenuto anche conto di quanto previsto dall’articolo 3, comma 155, ultimo periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350 e successive modificazioni;”.

Allegati:
Scarica questo file (RiformaPA.pdf)RiformaPA.pdf1566 Kb
 

Sentenza del ricorso per legge Pinto

 

Con sentenza emessa in data 17.11.2014 dalla Corte d’Appello di Perugia relativamente al ricorso proposto ai sensi della legge Pinto e rubricato al r.g. n. 4616/2011, depositata in Cancelleria in data 22.1.2015, la Corte d’Appello ha rigettato il ricorso ritenendo che il giudizio al Tar di riferimento si basava su una domanda palesemente inammissibile, classificando, pertanto, lo stesso giudizio al TAR come “lite temeraria”.

La Sentenza si fonda sulla qualificazione della domanda presentata con il Ricorso al TAR r.g. n. 5945/2002 (avv. Parente) come “lite Temeraria” e, pertanto, non tale da provocare un patema d’animo necessario per il riconoscimento del risarcimento del danno ex lege Pinto. La temerarietà viene ricondotta alla individuazione della domanda principale come inammissibile, proprio “in ragione della sua formulazione, trattandosi di impugnazione della mancata risposta a un’istanza di riesame, che per giurisprudenza granitica è inammissibile e infondata”. (sentenza Corte d’Appello e Sentenza TAR).

ulteriori informazioni potranno essere richieste all'Avv. Ravecca Tel. / Fax 0187624138 - 0509912139 – Cell. 3471702040 P.I. 01174950111 – E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Semplificazione progressione di carriera

L'Associazione Sovritalia, nell’imminenza dell’approvazione della norma primaria di semplificazione per le procedure concorsuali di progressione di carriera, si rivolge alle SS.VV. affinché possano debitamente rappresentare e far valere, finalmente, le aspettative degli appartenenti al ruolo dei Sovrintendenti, con precipuo riferimento a coloro che hanno avuto accesso al ruolo con il superamento di un concorso e del successivo corso di formazione, consentendone la graduale immissione nel ruolo degli Ispettori.
Si auspica pertanto che...(leggi l'allegato)
 
semplificazione
 

Lettera al Capo della Polizia

Pubblichiamo la lettera inviata al Capo della Polizia tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Invito chi non l'avesse ancora fatto, a dare sostegno a Sovritalia iscrivendosi seguendo le indicazioni indicate qui: http://www.sovritalia.com/joomla/varie/iscriviti-online.html oppure contattando il referente più vicino.

Lettera al Capo della Polizia

 

Sovritalia VS Bozza

Ecco il comunicato ufficiale di Sovritalia riguardo la bozza...

e queste le risposte delle OO.SS. !!!

 

Iscriviti Online

 

Fai click qui per Iscriverti tramite bonifico bancario

 

Puoi in alternativa iscriverti utilizzando una delle carte di credito qui giù descritte.

Non è necessario essere utenti paypal.

La procedura di adesione tramite il tasto Abbonamento non comporta la compilazione del classico modello cartaceo.

Bisogna solo seguire i passaggi indicati, compilare i campi richiesti e

prendere nota dell'identificativo unico di pagamento di Paypal per inserirlo successivamente nel modulo online.

 

Iscriviti come:
 

Lettera al Capo della Polizia

Eccellenza,
Le scrive il presidente di Sovritalia, Associazione nata nel 2001, cui partecipano i Sovrintendenti vincitori di concorso.
Pongo alla Sua attenzione la proposta di norma primaria volta alla semplificazione delle procedure concorsuali per l'accesso e la progressione di carriera nei ruoli della Polizia di Stato, la cui riunione dipartimentale si è svolta in data 02.12.2014....(continua nel documento allegato) . Sovritalia ha bisogno del tuo sostegno iscriviti!

 

Ammessi con riserva

Concorso interno per vice ispettore ecco le ultime novita’ riguardanti il ricorso al tar grazie all’ottimo lavoro svolto dall’avvocato Chiara Daneluzzi, del foro di Venezia (studio legale in preganziol (tv) via vitt. veneto n. 3) e’ stata accolta l’istanza di misure cautelari provvisorie dal tribunale amministrativo regionale del Lazio.
Il decreto, emesso in data 01.10.2014, esaminati i motivi aggiunti al ricorso e ravvisando i presupposti previsti dalla legge, ha ammesso con riserva al proseguimento delle prove concorsuali due candidati sovrintendenti non collocatisi utilmente nella graduatoria formatasi a seguito della prova preselettiva.
la trattazione collegiale e’ stata fissata in camera di consiglio per il 30.10.2014.

 

Concorso 1400 Vice Ispettori il ricorso al TAR

Affinché tutti possano avere cognizione di causa ed opportuna conoscenza si rendono pubbliche le motivazioni con cui sono stati eccepiti vizi di legittimità relativi al bando di concorso per 1.400 posti da Vice Ispettore. Il concorso è stato impugnato da alcuni soci di Sovritalia mediante ricorso depositato presso il T.A.R. Lazio.

Sovritalia, condividendo i motivi di doglianza evidenziati nel ricorso, ne ha sostenuto l’azione giudiziaria.

 

Ai sindacati

 

Qui di seguito il documento inviato a tutte le sigle sindacali

Allegati:
Scarica questo file (aisindacati.pdf)aisindacati.pdf25 Kb
 

Nuovo Direttivo Nazionale

 

Il giorno 3 gennaio 2014 è stato eletto il nuovo Direttivo Nazionale di Sovritalia con la nomina del nuovo Presidente, Gennaro Lanotte.

Leggi tutto...