Ricerca in Sovritalia
Chi è online
 42 visitatori online

Carabinieri

Arma dei Carabinieri - Db_news
Servizio RSS - Db_news offerto da www.carabinieri.it

www.carabinieri.it
  • Scarica nel terreno reflui molitura delle olive, denunciato
    (ANSA) - CASERTA, 27 NOV - I carabinieri forestali hanno sorpreso e denunciato a Sessa Aurunca (Caserta), un agricoltore intento a scaricare illecitamente sul terreno i reflui, altamente inquinanti, provenienti dalla molitura delle olive. L'uomo stava scaricando un carro botte contenente circa due tonnellate di acque di vegetazione olearie, ritenute rifiuti speciali che necessitano di particolari modalità di smaltimento. L'agricoltore è stato denunciato per il reato di illecito smaltimento di rifiuti speciali sul suolo. I militari della stazione forestale di Roccamonfina hanno poi sequestrato all'uomo il carro botte e il trattore che lo trasportava. (ANSA).

  • Droga: spaccio cocaina e marijuana nel Fermano, 6 arresti Cc
    (ANSA) - FERMO, 27 NOV - Con l'operazione "Dust debts" i carabinieri di Fermo hanno inflitto un duro colpo allo spaccio di cocaina e marijuana nell'entroterra fermano nella quale sono state documentate almeno 320 cessioni di stupefacenti e segnalati 76 assuntori di droga. Dopo varie attività d'indagine, tra aprile a luglio, con pedinamenti, intercettazioni e riscontri, i militari del Nucleo investigativo di Comando provinciale hanno eseguito sei arresti sulla base di un'ordinanza di custodia cautelare chiesta dalla Procura e firmata dal gip di Fermo. Hanno fatto irruzione in abitazioni nel Fermano (Porto Sant'Elpidio, Sant'Elpidio a Mare, Porto San Giorgio, Pedaso, Fermo e Montegiorgio) bloccando tre italiani, due macedoni e un albanese, di età compresa tra i 35 e 54 anni, ritenuti responsabili di spaccio continuato di sostanze stupefacenti in concorso tra loro. Nell'operazione, complessivamente, sono state recuperare alcune centinaia di grammi di cocaina, hascisc e marijuana, cellulari, schede telefoniche, sostanze da taglio, materiale per confezionare le dosi e oltre 16mila euro ritenuti proventi di spaccio. In azione per completare l'operazione 'Dust debts', che aveva portato in precedenza ad due altri arresti e tre denunce a piede libero nel fermano, circa 50 militari con l'ausilio di alcune unità del Nucleo Cinofili Carabinieri di Pesaro e supportati dalla copertura aerea di un velivolo del 5/o Nucleo Elicotteristi di Pescara. Uno degli arrestati - di origine macedone - è risultato gravato anche di un ordine di carcerazione della procura di Ancona per scontare una pena di quattro mesi dopo una condanna per falso materiale da privato; l'uomo ora si trova in carcere a Fermo mentre gli altri arrestati sono stati posti ai domiciliari. (ANSA).

  • Ambiente: sequestrata discarica abusiva di rifiuti speciali
    (ANSA) - BARI, 27 NOV - I Carabinieri del Noe di Lecce hanno sottoposto a sequestro preventivo d'urgenza un'area sulla provinciale Villa Convento-Lecce, all'interno della quale era stata realizzata una discarica abusiva di rifiuti speciali non pericolosi, di circa 20.000 metri quadri, all'interno di una cava di estrazione di calcare in fase di recupero ambientale. I militari hanno accertato che il materiale di riempimento era costituito da inerti da demolizione con traverse ferroviarie in cemento, ancora con i ferri d'armatura, insieme a rifiuti in plastica, canaline e secchi all'origine contenenti pitture e colle da edilizia, nonché pezzi di sanitari e vario materiale di demolizione. Il legale rappresentante della ditta è stato denunciato a piede libero per i reati di discarica abusiva di rifiuti speciali non pericolosi. Il valore del sequestro ammonta a 100 mila euro. (ANSA).

  • Furti: raffica colpi Val Musone, 4 arrestati da Cc
    (ANSA) - OSIMO, 27 NOV - Sgominata dai carabinieri della Compagnia di Osimo una banda dedita ai furti in Val Musone con base ad Ancona: in manette quattro cittadini di origine albanese, tra i 30 e 40 anni, dimoranti in Campania, di cui due irregolari sul territorio nazionale, per rapina aggravata, furto in abitazione, ricettazione, possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, resistenza a pubblico ufficiale e lesione personale. Sono stati trasferiti nella casa circondariale di Ancona. La gang aveva base logistica presso un'abitazione di Ancona da dove partiva per raggiungere le località da depredare, svuotando abitazioni anche ai piani più alti degli stabili, a bordo di auto a noleggio per eludere le investigazioni. Le indagini erano partite dopo una raffica di colpi commessi nei giorni scorsi in Val Musone e, in particolare, ad Agugliano, Offagna e Castelfidardo. I malviventi avevano usato la "tecnica del foro", riuscivano a penetrare nelle case sottraendo denaro, monili in oro e altri oggetti facili da occultare addosso. Anche dall'analisi di filmati di telecamere di sorveglianza, i militari hanno collegato una Citroen C3 a noleggio, a un gruppo di albanesi dimoranti ad Ancona. Ieri l'auto è stata notata tra Ancona e Polverigi, con quattro a bordo, tre dei quali lasciati alla periferia della piccolo centro. Di lì a breve sono stati segnalati sette tra furti e tentati furti a Polverigi: in uno di essi, il proprietario aveva afferrato il braccio del ladro che era riuscito a divincolarsi, lanciandogli contro oggetti e vasi trovati sul balcone dell'abitazione. Le segnalazioni delle vittime indicavano la presenza di tre uomini incappucciati, molto agili e vestiti di nero. L'auto con i quattro a bordo è stata bloccata in via XXV Aprile ad Ancona: trovata la refurtiva costituita da circa 3mila euro in contanti, monili in oro, poco prima asportati in Polverigi e strumenti atti allo scasso. Nel covo anconetano sequestrati altri oggetti preziosi e 12 orologi, ritenuti provento di furto. Parte della refurtiva è stata già restituita alle vittime. (ANSA).

  • Droga: arresti nel Foggiano, indicata come ordinazione bar
    (ANSA) - ROMA, 27 NOV - Gli accordi tra spacciatori e acquirenti venivano presi in un locale di San Paolo Civitate (Foggia) e spesso lo stupefacente veniva indicato con i nomi di generi alimentari o di ordinazioni del bar. Sono alcuni particolari dell'operazione antidroga compiuta dai Carabinieri arrestando 11 persone questa mattina nel Foggiano. Per altre due persone è stato disposto l'obbligo di firma tre volte a settimana. Gli investigatori hanno accertato un migliaio di episodi di spaccio con incassi settimanali di circa 10mila euro. Nel corso dell'operazione i Carabinieri hanno sequestrato anche 90 grammi di hashish, 60 grammi di marijuana e 5 di cocaina, trovati nelle disponibilità di due indagati che in un primo momento erano destinatari dei domiciliari: dopo il ritrovamento delle sostanze sono stati arrestati in flagranza per detenzione ai fini di spaccio e portati in carcere. Le cessioni, secondo le indagini, avvenivano generalmente in strada ma in alcuni casi i pusher portavano la droga direttamente a casa dell'acquirente. (ANSA).