Referenti
Ricerca in Sovritalia

Ricorso "Legge Pinto"

Ricorso Legge Pinto rg 6901/2011 e 5831/2011 (ricorso TAR 8594/2001)

VINTI I due ricorsi, qui di seguito le istruzioni per la richiesta di pagamento da compilare a cura di ogni richiedente utilizzando l'apposito modulo dedicato:

- in caso di eredi occorre la dichiarazione sostitutiva di notorietà;

- al n. 1 va  barrata la prima opzione;

- al n. 2 va  barrata la prima opzione;

- occorre allegare copia del documento di identità in corso di validtà e copia del codice fiscale;Considerato che l'importo liquidato è maggiore di € 1.000,00 occorre indicare il codice IBAN.

Per mero scrupolo ricordo che il pagamento - una vola ricevuto - è comprensivo anche della quota concordata di spettanza all'avvocato e che, pertanto, sempre all'esito del pagamento la stessa dovrà essere versata al sottoscritto legale.

Bisogna inviare la documentazione allo studio del legale:Valentina Ravecca Lungarno B. Buozzi n.20, Pisa SOLO TRAMITE POSTA ORDINARIA (potrete chiedere conferma della ricezione tramite email).

Allego anche il ricorso per consentire ai ricorrenti di ritrovare il proprio nominativo.
Avv. Valentina Ravecca

 

Sentenza del ricorso per legge Pinto

 

Con sentenza emessa in data 17.11.2014 dalla Corte d’Appello di Perugia relativamente al ricorso proposto ai sensi della legge Pinto e rubricato al r.g. n. 4616/2011, depositata in Cancelleria in data 22.1.2015, la Corte d’Appello ha rigettato il ricorso ritenendo che il giudizio al Tar di riferimento si basava su una domanda palesemente inammissibile, classificando, pertanto, lo stesso giudizio al TAR come “lite temeraria”.

La Sentenza si fonda sulla qualificazione della domanda presentata con il Ricorso al TAR r.g. n. 5945/2002 (avv. Parente) come “lite Temeraria” e, pertanto, non tale da provocare un patema d’animo necessario per il riconoscimento del risarcimento del danno ex lege Pinto. La temerarietà viene ricondotta alla individuazione della domanda principale come inammissibile, proprio “in ragione della sua formulazione, trattandosi di impugnazione della mancata risposta a un’istanza di riesame, che per giurisprudenza granitica è inammissibile e infondata”. (sentenza Corte d’Appello e Sentenza TAR).

ulteriori informazioni potranno essere richieste all'Avv. Ravecca Tel. / Fax 0187624138 - 0509912139 – Cell. 3471702040 P.I. 01174950111 – E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Legge Pinto

new6

please_wait

LEGGE PINTO - aggionamento dicembre 2013

Comunichiamo le ultime notizie relative al ricorso sostenuto e assistito dalla nostra associazione (R.G. 6901/2011), le cui udienze hanno avuto luogo presso la Corte d'Appello di Perugia, conclusosi con sentenza favorevole (n. 581/2013)

Leggi tutto...

 

Legge Pinto r.g. 9173 del 2008

Fissazione udienza per il ricorso ex legge Pinto r.g. 9173 del 2008

Fissaz_Pinto

 

Comunicato Legge Pinto

Leggi il comunicato sul ricorso per "legge Pinto"

 
Altri articoli...